Cookie Policy Compagni di squadra e avversari nella partita della vita
Home » Obiettivo » Crescita personale » Compagni di squadra e avversari nella partita della vita

Compagni di squadra e avversari nella partita della vita

Tempo di lettura: 3 minuti

Se la vita fosse una partita, chi giocherebbe in squadra con te? E chi schiererebbe contro di te il destino? E se tutto si giocasse dentro di te, invece? Quali capacità o quali aspetti del tuo carattere ti aiutano a segnare? Quali invece ti ostacolano?

Compagni di squadra e avversari nella partita della vita

So che lei giocava a basket perciò adattiamo la sessione di coaching a quelle regole.

Ma tu puoi farlo con qualsiasi sport di squadra, purché segui le indicazioni e, come lei, ti impegni a trovare la tua soluzione, da qui fino alla fine. Se necessario, fermi la lettura finché non hai risposto e poi ricominci.

Chiarito questo, cominciamo.

Chi è in squadra con te?

«Questa è la mia squadra: la “Vita Privata” a cui vorrei dare più spazio; la “Passione” che so mettere in ogni cosa che faccio; la “Tenacia” che mi contraddistingue da sempre; la “Fiducia” che so conquistarmi e meritare; l’ “Esagerazione” che non è sempre un bene, lo so… Ma in questa partita mi serve!»

Chi sono invece “avversari” della tua squadra?

«Contro ho: la “Vita Professionale” che mi sottrae tempo ed energie; la “Paura di farmi male con gli altri” che mi fa schermare con tutti; i “Limiti fisici” che tu sai; la “Nostalgia dei momenti in cui stavo meglio” che mi si attacca addosso e mi indebolisce ancora di più; la “Preoccupazione” in senso ampio. Non è specificatamente riferita a qualcosa, è più un alone che copre tutto…»

Stiamo portando la partita fuori di se stessa. Ora può vedere meglio il gioco, come si svolgerà, come e cosa può cambiare.

Adesso decidiamo le marcature

«Chi marca chi?»

«Alla “Vita Privata” diamo da marcare la “Vita professionale”, questo è facile. Devo fare in modo che la argini quando è in attacco e cerca di segnare un punto. La “Passione” la mettiamo alle costole della “Paura di farmi male con gli altri”. Mettiamo la “Tenacia” in difesa sulla “Preoccupazione”. E la “Fiducia” la metterei sui “Limiti Fisici”. Resta l’“Esagerazione” e la diamo alla “Nostalgia dei momenti in cui stiamo meglio”… Fila coach?»

«Sì, direi di sì… Poi vediamo anche come si comportano in campo. Se i “giocatori” sono in giornata o no. E bisognerà definire qualche schema di gioco, no?»

Questa sessione era di 15 gg fa e, ovviamente, lei è andata avanti con il lavoro, tenendomi aggiornata sugli sviluppi.

Da parte mia, qualche sera fa, stavo guardando una partita dell’NBA e sono tornata a rifletterci sopra (sono fatta così: collego continuamente cosa può essere utile e a quale dei miei coachee).

Ebbene, ho capito che le mancava qualcosa… Dei “panchinari d’eccellenza”, direi.

La campagna acquisti

Dovrò proporle:

  • La “Velocità Mentale” (che si traduce in “Pensiero elastico”… Ogni tanto si ingrippa ancora un pochino su qualche vecchia convinzione. Nulla in confronto a com’era, per carità, ma ogni attrito le toglie naturalezza nei movimenti.)
  • Il “Saper Leggere la Partita” (sennò, come fa a capire quali azioni fare e quali evitare? Qui ha tanto da imparare, ma la fatica non l’ha mai spaventa, perciò…)
  • Il “Saper Cambiare Marcia”. Deve imparare a capire quale usare e quando cambiare. Come per strada. Nella vita, non si capisce perché, pensa di mettere “la prima” e tenerla fino alla fine. E si aspetta pure degli avversari monotoni come le “autostrade” quando invece, molto spesso, le persone sono più simili ai “tornanti” di montagna. Ma mi pare collegato al “Saper leggere” il campo, chi ha davanti, le intenzioni degli altri, …

[Cara *****, che faccio? Ti mando una mail o te lo dico qui che è giunto il momento di fare una campagna acquisti al mercato delle abilità? ;)]

Per te, invece, che hai letto il post, hai preso un foglio e hai cominciato a schizzare il campo da gioco della tua vita, hai disegnato i simboli delle tue abilità che sono “Compagni di squadra” e quelli delle tue incapacità o dei limiti che puoi considerare “Avversari”, io ho altre domande:

  • Stai già pensando a quali schemi di gioco applicare?
  • Quale “giocatore-abilità” ti serve e ti manca?
  • Come acquistarlo per segnare nella partita più importante che ci sia?

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su