Cookie Policy Un incoraggiamento per reagire ai tentativi falliti Storie di Coaching
Home » Superare le difficoltà » Un incoraggiamento per reagire ai tentativi falliti

Un incoraggiamento per reagire ai tentativi falliti

Tempo di lettura: 2 Minuti

Ho spedito una lettera di incoraggiamento a un mio coachee:

Caro *****

Ieri leggevo queste parole:

“Il leone, invece, deve affidarsi di più alla fortuna; riesce a portare a termine con successo solo una piccola percentuale degli assalti, inferiore al 20 per cento, ma quando mangia assorbe in modo rapido e facile tutti i nutrienti”.

[Tratto dal libro “Antifragile. Prosperare nel disordine” di Nassim Nicholas Taleb]
Lettera di incoraggiamento per i momenti di difficoltà
Anche il leone sbaglia moltissimi tentativi e nonper questo si scoraggia

Il 20%? Ma scherziamo? Sono rimasta sbalordita. Non so tu, ma io non ci avevo mai pensato a questa cosa (e nemmeno la sapevo).

Ho sempre visto documentari che facevano vedere i leoni lanciarsi sulla preda e catturarla. La mia mente deve aver pensato che sono animali con una capacità di realizzazione altissima dei propri obiettivi.

Ma, dopo aver letto quelle parole, mi sono accorta che effettivamente sono molto magri… Non so se per penuria di prede da cacciare o perché hanno delle percentuali di realizzazione così basse… O entrambi i casi, chissà…

Sai che c’è? Forse non è tanto questo che ci interessa… Leoni a parte, non siamo così anche noi?

Non facciamo forse tante cose, iniziamo tanti rapporti, mettiamo in essere tanti progetti… E solo pochi di essi vanno a buon frutto…?

Certo, se sapessimo che capita così a tutti, anche al re della foresta, reagiremmo meglio a ogni sconfitta, non credi anche tu?

Per cui… Quanti assalti conviene tentare? Quali tipi di assalti? Ce ne sono alcuni che danno più risultati di altri?

Fuori di metafora: ci sono progetti che hanno più probabilità di darti quel 20% e vale la pena concentrarti su quelli oppure è meglio tenerli tutti in piedi perché non sai ancora da che parte arriverà quel 20%?

“I romani avevano uno strano rapporto con il benessere: tutto quello che “ammorbidisce” o “rammollisce” era visto con occhio critico.”

[Tratto dal libro “Antifragile. Prosperare nel disordine” di Nassim Nicholas Taleb]

Che dire?

Sei in un momento in cui non hai nulla che ti “ammorbidisce”, né che ti “rammollisce”.

Da un lato capisco che tu non ne possa più di tutte queste difficoltà e di tutti questi risultati che non arrivano.

Dall’altro, penso che i Romani hanno costruito un impero vastissimo su quella convinzione…

Un incoraggiamento anche per te.

So che ci sono tanti altri leoni, oltre a lui, che hanno bisogno di un incoraggiamento. Spero che le riflessioni che ho condiviso con lui e quelle su cui l’ho stimolato a ragionare, siano utili anche a te.

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su