Cookie Policy Quant'è importante ricevere feedback e com'è difficile ottenerli!
Home » Obiettivo » Feedback » Quant’è importante ricevere feedback e com’è difficile ottenerli!

Quant’è importante ricevere feedback e com’è difficile ottenerli!

Tempo di lettura: 3 minuti

“In base alla mia esperienza posso dire che non c’è verso, la gente non sembra comprendere l’importanza di dare e ricevere feedback…”

La persona che ha lasciato questo commento sulla mia pagina FB non è l’unica a trovarsi in questa situazione. È una condizione estremamente diffusa.

La difficoltà di ricevere feedaback
La difficoltà di ricevere feedback

“Spesso ho la netta impressione che non mi dicano la verità” ci raccontò il direttore generale di un’azienda europea. “Non sono in grado di identificare con certezza l’origine di questa situazione, perché in realtà nessuno mente. Ma percepisco che le persone mi nascondono qualcosa o mascherano certi fatti chiave affinché io ci passi sopra. Non stanno mentendo, ma non mi dicono neppure tutto ciò che mi servirebbe sapere. Devo sempre tirare a indovinare”. Questo è un chiaro caso di sindrome della reticenza: il vuoto di informazioni che si crea attorno a un leader quando i suoi collaboratori evitano di comunicargli informazioni importanti (e in genere spiacevoli).”

Tratto da: “Essere leader“, Daniel Goleman, Richard E. Boyatzis, Annie McKee

Perché è così difficile ricevere feedback utili?

Con uno sforzo di empatia, prova a chiederti: “Cosa potrebbe impedirmi di esporre ciò che penso?”

  • Insicurezza. Magari vorrei dirti che stai sbagliando qualcosa, ma la mia mente è preoccupata dalla paura di sbagliare.

  • Mi sembri indisposto all’ascolto. So che mi chiedi un parere, ma ti percepisco in modo ambiguo. Non credo che tu sia davvero disposto ad accettare quello che sto per dire. Per esempio, mi è capitato diverse volte di assistere a questa scena:

    • La persona X chiede a Y: “che cosa ne pensi?”

    • Y risponde sinceramente

    • X aggredisce/contesta quello che Y ha detto (Se l’interazione fra X e Y dura da tempo, alla fine Y smette di esprimere la sua opinione)

  • Temo di ferire i tuoi sentimenti. Se quello che sto per dirti potrebbe metterti a disagio, evito di dirtelo. Se potrebbe farti male in qualche modo, ti evito la sofferenza.

  • Mancanza di tempo. In alcuni casi, non si ha proprio il tempo per prendere in considerazione ciò su cui viene richiesto un feedback. Ricordo un’intervista ad Umberto Eco che diceva di aver fatto il calcolo delle ore necessarie per rispondere a tutte le richieste che riceveva: non gli sarebbe bastata una sola vita!

  • Rischio qualcosa che non voglio perdere. Ho paura delle conseguenze, in sostanza. Sono noti i casi di persone che sono state “punite” per la loro sincerità. Capita sia a livello professionale che a livello personale.

  • Non penso di avere le competenze necessarie. È possibile. Se mi chiedi di valutare una foto e non ho le basi, mi stai chiedendo qualcosa che non rientra nelle mie capacità.

  • Non c’è nulla che me lo impedisce, semplicemente “evitare di darti un feedbackè una scelta. Come coach lo faccio molto spesso, soprattutto quando mi rendo conto di avere di fronte una persona insicura che dipende dal giudizio degli altri. In questo caso, l’assenza del mio feedback diventa un obbligo per l’altro ad acquistare sicurezza in ciò che fa e a cercare nuovi modi per riceverlo.

  • Fatica. Dare dei feedback davvero utili richiede impegno. Mettere un “mi piace” è piuttosto veloce e facile. Esprimere un commento richiede un impegno più profondo.

  • Mancanza di motivazione. Perché dovrei darti il feedback? Se mi chiedi di espormi, io devo avere delle valide ragioni per farlo. Non basta che me lo chiedi.

  • Invidia/gelosia. Non voglio aiutarti a migliorare o non voglio riconoscerti un merito.

Che cosa devo fare se voglio ricevere i feedback?

Ora che abbiamo fatto un salto nei panni dell’altro, è opportuno tornare nei propri e chiedersi:

  • In che modo chiedo i feedback che mi servono?

  • Che cosa so della persona a cui chiedo un feedback? Ha il tempo, le competenze, la disponibilità, la capacità di fare critiche costruttive?

  • Come reagisco di solito ai feedback?

  • Ci sono altre persone che rispondono meglio al profilo di chi può darmi feedback utili?

  • Quali segnali mi sta mandando l’altra persona anche se non si esprime direttamente? Come posso leggere fra le righe?

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su