Da “mi sento inutile” a “mi sento soddisfatta e importante”

“Mi sento inutile” era il leitmotiv che caratterizzava sia il tuo lavoro sia la tua vita privata. Era febbraio dell’anno scorso. 

A settembre di quest’anno, invece, il tono era totalmente cambiato:

Mi sento soddisfatta e importante anche se non ho parlato. Come tecnica mi ero data di ascoltare quello che avrebbero detto per poi prendere tempo per decidere. […]

Si sono scusati tutti per non avermi protetta. Mi hanno lasciati da sola a gestire una situazione che era impensabile che potessi gestire da sola. Mi hanno incensata per bene.

BRILLO, BRILLO, BRILLO, COACH!”

Eh già. A Natale dell’anno scorso ti augurai (e un po’ ti chiesi) di brillare forte nel nuovo anno che era lì alle porte.

E tu mi hai presa alla lettera. Hai afferrato le mie parole e le hai trasformate in luce visibile a tutti.

Abbiamo convertito quel “mi sento inutile” in “coraggio”

Da mi sento inutile a mi sento soddisfatta e importante coaching
Photo by Gabriel Silvério

Mi sono presa del tempo per rispondere. Mi ha detto: “Fammi la tua proposta, non darti limitazioni all’immaginazione perché il tavolo è aperto. Li lascerò un po’ sulle braci e poi la settimana prossima li contatterò. Penso di essere stata molto brava e quindi me lo dico.

Ho avuto il coraggio di fare una scelta tosta, una scelta anche rischiosa e questa scelta mi ha portato a mettermi in luce per il coraggio e una serie di qualità che nell’ambito lavorativo venivano o non viste o trascurate o non gli si dava peso.

Quel coraggio te l’ho sempre visto, sai?

Anche quando ti sentivi inutile e ti mettevi in un angolino da sola. Ma te lo vedevo. Mentre direzionavo il tuo sguardo su di te in modo che anche tu lo vedessi ero estremamente curiosa della forza dirompente che quella potenza avrebbe avuto nel tuo quotidiano una volta che fosse stata finalmente liberata.

Tu sei soddisfatta e io di più.

Sono felice e soddisfatta perché un sacco di gente crede in me e sono soddisfatta perché mi si apre un’altra opportunità […].

Coach, abbiamo buttato fuori un sacco di skills che non credevo di avere e in questa storia l’essere stati onesti, granitici su certe questioni, coraggiosi, intraprendenti e anche indomiti ha portato a scenari totalmente inaspettati.

Sono andata a rileggermi gli appunti post sessione che ti mandavo.

A luglio dell’anno scorso ho trovato questa tua frase:

“Ho imparato che la rinuncia al merito non è un atto di umiltà ma di rassegnazione.

Probabilmente questo è stato il momento di vera svolta. Lì ho capito che ti stavi guardando come volevo ti guardassi: come una persona che merita e merita tanto, solo che non credeva di aver diritto a spazio, riconoscimenti, attenzioni. E siccome non ci credeva, si era rassegnata a stare nell’angolino.

Percepita a sé e agli altri come “inutile”, certo. Ma come effetto del tuo non credere in te.

Ora sei un turbine di progetti, sei una tessitrice di relazioni, sei una donna che non si dispiace per il tempo perso (perché sa che è servito comunque) e corre per recuperare. “Mi sento inutile” è modo di sentirti che ti è estraneo, non è più nel tuo campionario di pensieri e, se dovesse tornare, sai come gestirlo.

Sei anche una donna consapevole di aver appena aperto una piccola breccia nel suo potenziale ed è curiosa di scoprire quali altri talenti tiene nascosti in se stessa.

Tu sei soddisfatta e io di più. 

Vota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *