I classici pensieri con cui gli uomini si auto limitano nel migliorare la loro vita

Anche che gli uomini sono “bravi” a precludersi da soli delle opportunità. Non sono solo le donne ad autolimitarsi.

Ripensavo in questi giorni, in relazione a un progetto che sto realizzando, ai percorsi di crescita maschili, prendendo in considerazione sia quelli conclusi sia quelli in corso.

Sono andata a rileggermi le loro storie e ho selezionato i pensieri delle prime sessioni.

La caratteristica di quei primi istanti è sempre una sorta di “effetto sorpresa” del genere: 

“Non pensavo fosse così grave avere quel pensiero!”

O

“Non mi ero accorto che quel pensiero mi stesse limitando così tanto!”

I classici pensieri con cui gli uomini si auto limitano nel miglioramento
Photo by Jakob Owens

I classici pensieri con cui gli uomini si auto limitano nel migliorare la loro vita.

Ho pensato che possa essere utile (o almeno me lo auguro) condividerli qui, in modo che aumenti anche la tua consapevolezza di come con i tuoi stessi pensieri, ti auto escludi, ti complichi la vita, ti allontani dai risultati (invece di avvicinarti).

Ne ho selezionati ben 50, escludendo tutte le possibili varianti… 

  1. “Sono nel baratro totale.”
  2. “Mi sento perso.”
  3. “Andrà di merda!”
  4. “Sono uno sfigato in amore.”
  5. “Se faccio così… sembro…”
  6. “Sono troppo!”
  7. “Non voglio stare male.”
  8. “Voglio essere indifferente.”
  9. “Non voglio più innamorarmi!”
  10. “O penso alla carriera o penso alla famiglia”
  11. “Non me ne frega nulla.”
  12. “Non mi piaccio.”
  13. “Riesco a pensare solo a…”
  14. “Non (le) piaccio”/“Figurati se le può piacere uno come me!”
  15. “Non ce la farò mai!”
  16. “Devo pensare a…” (estraniandosi dal presente)
  17. “Non posso permettermi di sbagliare!”
  18. “Non posso lasciarmi andare.”
  19. “Un uomo deve essere duro/freddo/inflessibile/…” (stereotipi di genere)
  20. “Non capisco le donne!”
  21. “Nessuno mi capisce!”
  22. “Non voglio scendere a compromessi.”
  23. “Un posto vale l’altro.”
  24. “Ho paura che (scenario negativo)…”
  25. “Non posso farci niente!”
  26. “C’è tempo…”
  27. “Non spetta a me!”
  28. “Non sarò mai come…”
  29. “Ce l’ha con me!”
  30. “E se capita qualcosa?”
  31. “Non sono un granché…”
  32. “Non mi appoggia.”
  33. “Sbaglierò di nuovo!”
  34. “Non crede in me.”
  35. “Non l’ho mai fatto.”
  36. “Sono un fallito.”
  37. “Non so valutare le persone”
  38. “Non sono un buon padre/compagno.”
  39. “Sono fragile.”
  40. “Non sono all’altezza.”
  41. “Non me lo merito.”
  42. “È difficile.”/“È impossibile.”
  43. “Non me la sento di…”/”Non ho il coraggio di…”
  44. Sono fatto così.”
  45. “Sono/sarò sempre solo.”
  46. “Cosa penseranno gli altri se io…?”
  47. “Non so vendermi.”
  48. “Nessuno può aiutarmi.”
  49. “Devo farcela da solo.”
  50. “Non sono il tipo che…”

E tu? Quante volte, leggendo questi pensieri, hai risposto “anch’io!”?

Scorri di nuovo l’elenco e contali.

Quanti ne hai?

Come vedi, non sei il solo. Rincuorante, no?

Secondo me, sì. Fa bene sapere che anche altri uomini sono diventati consapevoli che non raggiungevano risultati, non perché avessero dei veri limiti (oggettivi), ma perché si auto limitavano con pensieri che impedivano loro di far emergere il loro potenziale o sfruttare le loro capacità.

Ora sei giunto al momento in cui iniziano le riflessioni che ti porteranno a decidere.

Tenere questi pensieri autolimitanti o eliminarli dalla tua testa?

Continuare a limitarti da solo o trovare un modo per migliorare la qualità dei tuoi pensieri e quindi anche la tua vita?

 

 

Rispondi