Cookie Policy Mi sento presa per i fondelli e voglio reagire in modo costruttivo
Home » Emozioni » Mi sento presa per i fondelli e voglio reagire in modo costruttivo

Mi sento presa per i fondelli e voglio reagire in modo costruttivo

Tempo di lettura: 2 minuti

«Buongiorno coach! Una giornata strana che non so gestire: nemmeno mille caffè mi aiutano. Non riesco a fare feedback. Al lavoro mi sento presa per i fondelli, per non dire presa per il culo. Tutto stona e mi sento una stupida. […]»

«Qui non c’entra il feedback. C’entra il capire come sono fatte le sabbie mobili e come uscirne…»

«Ancora sabbie mobili, coach? Oh no ci sono ricascata con tutte le scarpe :(»

«Ma no… È solo che nessun terreno è sempre costante per tutto il tragitto fino alla destinazione… Ci sono zone dure, altre morbide, altre pantanose, altre sabbiose, altre rocciose, buche, dossi, … Suvvia! Sciocco è pensare che il terreno sotto ai nostri piedi sia sempre lo stesso ignorando i fenomeni atmosferici e la varietà dei suoi componenti…»

«Ah ok, oggi ci sono delle buche e della pozze d’acqua (del resto ha piovuto stanotte!). Eppure mi sembrava di aver messo le scarpe adatte, mi sbagliavo!»

«Eh eh! Magari non è un problema di scarpe… Forse ti serve una falcata più lunga…»

«E sì, e molto allenamento anche…»

«Eccoti l’esercizio per uscire da questo marasma di emozioni:

  1. affermare cosa mi fa star male: “sul lavoro mi sento presa per i fondelli”

  2. fare un elenco di tutto ciò che mi fa sentire presa per i fondelli…

    Motivi che mi fanno sentire presa per i fondelli

  3. Per ogni motivo mi chiedo: cosa vorrei invece?

    Cosa vorrei invece di sentirmi presa per i fondelli?

  4. Per ogni risultato che vorrei raggiungere, mi chiedo come posso fare per ottenerlo. 

    Come posso fare per non essere più presa per i fondelli

«Molto, molto brava! Quanto ci abbiamo messo? Mezz’ora a esagerare? Sei passata da una condizione passiva in cui sembrava non potessi farci nulla ad una attiva in cui sai su cosa e come intervenire per cambiare le cose. 

4 obiettivi con relative strategie per passare da uno stato di impotenza ad uno stato di potenza. Su, rimbocchiamoci le maniche ché questo è il primo passo e gli altri sono tutti da realizzare!»

«Pronta, coach! ;-)»

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su