Cookie Policy Il senso della fatica perso e ritrovato ⋆ Storie di Coaching
Home » Superare le difficoltà » Il senso della fatica

Il senso della fatica

Tempo di lettura: 3 Minuti

«Non vedo il senso della fatica che sto facendo…»

Ognuno di noi si è ritrovato di fronte a questa triste constatazione, almeno una volta nella vita.

Capita quando non si vedono risultati o, se ci sono, sembrano troppo piccoli per colmare il divario che ci separa dai nostri sogni; talvolta, malgrado tutto, ne arrivano addirittura di segno negativo. E l’impegno pare davvero inutile.

La fatica sa usare armi di persuasione molto potenti. Urlano i muscoli, scricchiolano le ossa, vacilla la mente. Quando si adopera sul serio, può farci buttare in un secondo tutto il lavoro di giorni, mesi, perfino anni.

Di solito si suggerisce di guardare avanti, oltre l’ostacolo.

Il senso della fatica non è nella fatica in sé

La fatica sa come focalizzare l’attenzione su di sé. Sa chiamarti, sa come diventare un chiodo fisso anche se non vorresti.

[Che bastarda, eh?]

Sa calamitare il tuo sguardo, impedendoti di fare quella semplice operazione che sarebbe alzare gli occhi e guardare più in alto e oltre, a quando tutto questo sarà finito.

Ci sono obiettivi che mettono a dura prova il senso della fatica che si sta facendo per realizzarli

Come mi è stato detto qualche giorno fa:

“Serve avere senso della realtà, ma non rinunciare ai sogni; l’importante è non perdere il senso dei sogni, altrimenti la realtà è insopportabile.”

Ha ragione.

Cosa rende “sopportabile” (o “insopportabile”) la fatica?

Il senso che le attribuiamo.

Non molto tempo fa ho visto un intervista a Reinhold Messner che citava le parole di Walter Bonatti:

“La montagna ha il valore dell’uomo che vi si misura, altrimenti, di per sé, essa non sarebbe che un grosso mucchio di pietre.”

Walter Bonatti

Ecco, a volte non si riesce a guardare oltre la fatica perché non si è capito davvero qual è il suo valore. Perciò può sembrare solo “un grosso mucchio” di frustrazioni, di fallimenti, di insuccessi, di cadute, …

Ora guardiamo ogni singola “pietra” e ti invito a pensare:

“in che modo mi sarà utile (nel futuro) misurarmi (ora) con questa difficoltà?”

È diverso dal guardare oltre la fatica. È darle un senso, un valore.

Sai cos’è difficile? Vedere una connessione dove apparentemente non c’è.

Nassim Nicholas Taleb la butta giù così:

“In un certo senso, abbiamo tutti questo problema: non siamo cioè in grado di riconoscere la stessa idea quando ci viene presentata in circostanze diverse. È come se fossimo destinati a farci ingannare dall’aspetto più superficiale delle cose.”

[Tratto dal libro “Antifragile. Prosperare nel disordine” di Nassim Nicholas Taleb]

Ritrovare il senso della fatica

Voglio farti un esempio di una “stessa idea” in “circostanze diverse” che può aiutarti a capire il senso della fatica.

Supponiamo che il lavoro che fai adesso non ti piace, ti mette a contatto con persone che non sanno valorizzarti, che non ti apprezzano, con le quali non vai d’accordo e non ne condividi il modo di agire.

Ipotizziamo anche che il tuo “guardare avanti” sia un lavoro autonomo.

Aggiungiamo che il lavoro attuale ti serve (non puoi rinunciarci!) mentre ti prepari il resto.

Sei, insomma, in una terra di mezzo in cui ti riesce difficile affrontare ogni giorno, ma devi. Torni a casa senza forze, in seguito alla frustrazione interna e ai conflitti che tutta questa situazione ti pone. Fra l’altro, non hai nessun interesse a migliorare la relazione con queste persone, che comunque vuoi lasciare appena possibile.

O forse no? E se fosse proprio qui il senso della fatica?

Possibile che imparare a migliorare il rapporto con queste persone così lontane da te, ti venga utile anche per il lavoro autonomo? Anche là, in fondo, troverai delle persone che non la pensano come te, ma, in quel caso, la relazione con loro potrebbe essere vitale per la tua attività: non potrai più permetterti di non saperla gestire o di non saperla portare a tuo vantaggio.

Ecco che, a questo punto, le persone che detestavi, diventano “importanti” e addirittura “essenziali”. Relazionarti con loro, acquista un senso che va oltre il presente.

Questo è un esempio pratico.

È difficile riuscire a non fermarsi all’apparenza (“mucchio”) per dare un senso alla fatica (“pietre”). Ma si può fare, come hai appena capito.

Iscriviti alla newsletter!

Riceverai un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

Torna su