Cookie Policy Come liberare la creatività per trovare le soluzioni che ti servono
Home » Obiettivo » Creatività » Come liberare la creatività per trovare le soluzioni che ti servono

Come liberare la creatività per trovare le soluzioni che ti servono

Tempo di lettura: 3 minuti

Liberare la creatività è importante ma ho la sensazione sia uno di quegli argomenti che viene relegato nella terra dei preconcetti, considerandola per lo più una capacità necessaria solo nei settori artistici, dimenticando invece quanto sia rilevante nel processo di ricerca delle soluzioni.

Come liberare la creatività

Personalmente sono del parere che si possa fare un’arte anche della propria vita, ma a parte questa mia opinione personale, se vogliamo essere più pragmatici, pongo una semplice domanda:

Chi non ha bisogno di soluzioni?

Nessuno. Dunque serve a tutti liberare la creatività ed è importante capire che cosa la blocca.

Cosa blocca la creatività?

  • Alcune persone sono particolarmente sensibili ai giudizi esterni. In questi casi la propria mente è concentrata sulle reazioni degli altri e dunque non può essere libera di esprimersi.

  • Il proprio giudizio. Si può pretendere molto da se stessi ed è certamente uno stimolo a migliorare. Diventa un problema solo quando non si riesce a gestire le proprie aspettative e si mortificano le proprie idee invece di lasciarle crescere e maturare in libertà.

  • Una mappa mentale limitata. Frequentare, leggere, interagire solo con ciò che è “simile a sé” significa autolimitarsi a una piccolissima parte della varietà del mondo (e tagliarsi fuori delle opportunità).

  • La demotivazione che sottrae energie alla mente. È un po’ come avere un buco nel serbatoio del carburante, per intenderci.

  • I disturbi esterni, come per esempio la preoccupazione per altri problemi non direttamente attinenti a quello a cui stai lavorando.

Liberare la creatività è un obiettivo

Liberare la creatività è un obiettivo e come tale va trattato (non può essere il buon proposito di un momento). Prima di tutto, devi aver ben chiaro per quale motivo è così importante per te. Io mi permetto di suggerirti una citazione di Howard Gardner:

“La creatività è cruciale ai livelli più alti delle conquiste intellettuali umane”

[Una cosuccia da nulla…]

Chiariti i motivi per cui sei disposto a fare tutto quello che sarà necessario per liberare la tua creatività, devi stabilire un modo per verificare i tuoi progressi e un piano d’azione per raggiungerli. Ricorda che fra gli obiettivi intermedi dovrai tenere in considerazione anche ciò che è emerso mentre leggevi i punti che ti ho esposto qui sopra. Infatti, ti sarà successo di pensare:

“Ecco, capita anche a me”

Questo significa che devi lavorare su ognuno di quei limiti:

  • Estremo condizionamento dal giudizio esterno → devi accrescere la tua autostima e la fiducia nelle tue capacità

  • Proprio giudizio implacabile → devi imparare a trasformare le tue critiche distruttive in critiche costruttive

  • Mappa mentale limitata → devi allenarti ad uscire dalla tua zona di comfort

  • Demotivazione → devi imparare a conoscere i tuoi reali valori e i loro criteri di soddisfazione

  • Disturbi esterni → devi risolvere l’altro problema che distoglie la tua concentrazione

Strategie immediate per liberare la creatività

Per fare tutto quello che hai individuato serve del tempo. Ma tu puoi averne subito la necessità. E allora esistono delle strategie da mettere in atto nell’immediato.

Ho sempre trovato geniale l’escamotage di Walt Disney. Non solo aveva capito che il processo creativo è costituito da 3 fasi che vanno tenute distinte (la fase del creativo, la fase del critico e la fase del realista).

Aveva anche scelto 3 ambienti distinti, ognuno dei quali adibito solo ed esclusivamente a quella precisa attività:

  • sognare ad occhi aperti senza nessun tipo di critica o interferenza

  • criticare spietatamente ogni proposta

  • essere razionali, realisti e pragmatici.

Ci stiamo concentrando sulla fase della creatività e dunque limitiamoci a quell’ambiente.

Puoi individuarlo osservando i tuoi comportamenti e rispondendo ad alcune domande:

  • In quale ambiente mi sento più libero di sognare senza pormi limiti?

  • Quali caratteristiche lo rendono tale?

  • Se non ho quell’ambiente sempre a disposizione, come posso ricrearlo?

Bene. Ora che l’hai individuato, quando avrai bisogno di liberare la tua creatività non dovrai far altro che ricrearlo (anche solo negli elementi che lo rendono così produttivo per la tua inventiva).

È uno stratagemma molto efficace e temporaneo che ti consente di portare avanti i tuoi progetti mentre, ogni giorno, lavori anche su tutti gli altri interventi che hai capito di dover fare su di te.

Share this:

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su