Cookie Policy Come eliminare la sensazione di smarrimento legata al nuovo obiettivo
Home » Obiettivo » Come eliminare la sensazione di smarrimento legata al nuovo obiettivo

Come eliminare la sensazione di smarrimento legata al nuovo obiettivo

Tempo di lettura: 2 minuti

“Ti devo confessare che nelle mie visualizzazioni mi vedo impegnata, sicura ma non riesco a visualizzare anche il discorso o le fasi della conversazione e così quando voglio cominciare a “fare” provo una sensazione di smarrimento…”

Coachee “A”
Sensazione di smarrimento legata a un nuovo obiettivo

“Rileggendo mi sono accorta che spesso viene fuori l’insicurezza circa la mia capacità di portare a termine un’attività. Pigrona per natura, rimando spesso le cose… Non vorrei che il mio cervello si fosse abituato a questa consuetudine e mi avvisi con messaggi subliminali di scoraggiamento.”

Coachee “B”

Due obiettivi diversi, due storie personali diverse, stesso inghippo.

Dov’è nasce la sensazione di smarrimento?

Quando ci si pone un obiettivo nuovo, diverso da quelli che si erano sempre affrontati, non bastano più gli strumenti che avevamo. Bisogna introdurne dei nuovi.

Marshall McLuhan direbbe:

“La nostra “età dell’ansia” è in gran parte frutto del tentativo di svolgere il lavoro di oggi con gli strumenti e i concetti di ieri”

Smarrimento, ansia, scoraggiamento sono dei segnali per avvertirci:

“Ehi! Aspetta! Stai trascurando qualcosa!”

Sì, ma che cosa? Non si sa…

La maggior parte delle persone è convinta di avere le idee chiare sul proprio obiettivo. Ma in realtà ha solo un abbozzo in mente.

Questa vaghezza fa sì che anche il cervello non sappia esattamente che cosa deve fare. Non saper che pesci prendere, genera inquietudine. Tanto più se è davvero importante il cambiamento a cui si sta lavorando.

Il primo step è imparare e definire un obiettivo in modo efficace

Man mano che lo si definisce, la nebbia si dirada, la strada comincia a definirsi davanti ai tuoi occhi, ti rendi conto di quali mezzi ti serviranno, di quanto tempo sarà necessario, degli ostacoli che potresti incontrare, ti chiedi come potrai anticiparli, a chi dovrai chiedere aiuto, …

“Adesso sì che va meglio! Sapere di avere un piano da seguire è comodo e mi facilita il lavoro. Nei giorni scorsi era come stare in mezzo al mare e non riuscire a vedere terra: sensazione di smarrimento, paura, scoraggiamento. Forse succederà ancora, però io cercherò di non complicarmi la vita affidandomi alla pianificazione del lavoro che ho appena concluso.”

Coachee “A”

“Guardare quel piano che abbiamo fatto insieme è pacificante.”

Coachee “B”

A questo punto hai in mente solo la tua meta e ciò che devi FARE. Dallo smarrimento al chiarimento!

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su