Cookie Policy Cosa potrebbe far decollare il tuo progetto finalmente?
Home » Obiettivo » Cosa potrebbe far decollare il tuo progetto?

Cosa potrebbe far decollare il tuo progetto?

Tempo di lettura: 2 minuti

Charlie Brown desiderava veder volare il suo aquilone… Più o meno la stessa cosa che vorresti tu: far decollare il tuo obiettivo.

Anche a te può essere capitato di dover affrontare la stessa fatica, le stesse difficoltà e lo stesso senso di frustrazione.

Non è sempre facile. A volte le problematiche si riscontrano nella fase di decollo. Altre volte è arduo riuscire a tenere quota.

Che cosa c’entra Charlie Brown che vuole far decollare il suo aquilone con il coaching?

Cosa potrebbe far decollare il tuo progetto?
Charlie Brown e l’aquilone

Può sembrarti un gioco, me ne rendo conto.

Mi piace applicare anche agli adulti una frase di Gianni Rodari che introduceIl libro degli errori:

“Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo? Se si mettessero insieme le lagrime versate nei cinque continenti per colpa dell’ortografia, si otterrebbe una cascata da sfruttare per la produzione dell’energia elettrica. Ma io trovo che sarebbe un’energia troppo costosa.”

Ecco. Credo che si possano trarre molti insegnamenti utili da questa vignetta e in un modo che solo apparentemente è meno serio. In effetti, tutto ciò che puoi imparare ruota attorno ad una domanda valida per qualsiasi genere di obiettivo:

“Che cosa potrebbe far decollare e volare stabilmente il mio progetto?”

I presupposti:

  • Tutti gli ambienti sono ostili alle innovazioni e ai cambiamenti. Non necessariamente fanno opposizione aperta. Spesso sono solo delle caratteristiche tipiche di quel luogo. Che si tratti del vento (concorrenza? crisi?) o delle persone che li abitano (oppositore? Rivale? Critico?) è piuttosto evidente che conoscerne i limiti e i vantaggi è il primo step necessario per poterli superare o sfruttare.
  • Come per l’aquilone, anche i progetti hanno caratteristiche e dotazioni tecniche. Sono quelle che consentono di fare la differenza fra un decollo e il non sollevarsi mai o fra un breve volo e una lunga traversata.
  • Il ruolo di chi pilota è fondamentale (si vede benissimo nella vignetta, vero?). Chi decide quale tecnica usare? Chi valuta le condizioni dell’ambiente? Chi prende decisioni? Chi deve reagire al cambiamento di uno qualsiasi dei fattori coinvolti? Chi deve gestire le proprie emozioni?
  • A questo punto si tratta di scendere nello specifico di ognuno di questi aspetti a chiederti:

    • Per quanto riguarda l’ambiente: che cosa mi trattiene?
    • Quali svantaggi potrebbero rivelarsi dei vantaggi?
    • Come posso trasformare le critiche in consigli utili?
    • Per quanto riguarda le abilità
      • quali tecniche non conosco e mi sarebbero utili?
      • Dove posso impararle?
      • Quali strumenti utilizzo abitualmente?
      • Quali potrebbero essermi utili?
      • Come ho definito il mio piano d’azione?
    • Per quanto riguarda te, pilota del progetto:
      • quali convinzioni mi bloccano?
      • Quanto credo in me e nel mio progetto?
      • Come posso avere delle convinzioni che mi facilitano?

    Troppe domande? Eppure fra le risposte che ti susciteranno c’è proprio la soluzione che stai cercando

    Share this:

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su