Cookie Policy Per il bene dei bambini si diventa dei modelli migliori ⋆ Storie di Coaching
Home » Obiettivo » Crescita personale » Per il bene dei bambini si diventa dei modelli migliori

Per il bene dei bambini si diventa dei modelli migliori

Tempo di lettura: 2 minuti
Genitori impegnati per il benessere dei figli
Per il bene dei propri figli

Ciò che non si fa per se stessi, lo si fa spesso per il bene di qualcun altro.

I biologici evoluzionisti sostengono che il “sacrificio dei genitori” è un comportamento che assicura il successo riproduttivo. Forse è questo il motivo per cui i figli sono spesso la spinta per affrontare i propri scheletri nell’armadio e superarli.

Si può portare con sé mille problematiche per una vita ed imparare a conviverci. Ma quando arrivano i bambini, ci si trova come di fronte ad uno specchio che riflette tutto.

Per esempio: un genitore insicuro può fare molti sforzi per infondere sicurezza in suo figlio e constatare (comunque) che sta crescendo con poca fiducia in se stesso.

La domanda nasce spontanea: com’è potuto succedere?

Basta riprendere la suddivisione degli stadi dello sviluppo evolutivo fatta da Morris Massey per capirne la ragione:

  • Da 0 a 7 anni, il bambino non ha ancora sviluppato filtri mentali. Tutto ciò che percepisce attraverso i sensi, viene incamerato. Un ruolo particolarmente rilevante in questa fase è naturalmente quello di tutte le persone che sono anche dei punti di riferimento (genitori in primo luogo).

  • Dagli 8 ai 13 anni, comincia a “modellare” i comportamenti delle persone intorno a lui, sceglie i propri “eroi”, comincia a formare i propri valori.

  • Dai 14 ai 21 anni, prendono forma le relazioni e i valori sociali che di solito perdurano per tutta la vita.

Quando il genitore prende consapevolezza di questi meccanismi, spesso capisce che cosa intendeva davvero Gandhi con quella sua frase:

Siate il cambiamento che volete vedere nel mondo

Che cosa c’entra tutto questo con il coaching?

Essere dei buoni modelli per i propri figli“, non è forse un obiettivo? Certo! E come tutti gli obiettivi deve essere definito, ha bisogno di un piano d’azione, richiede il superamento dei propri limiti, l’apprendimento di nuove conoscenze, l’affrontare delle prove, la maturazione personale (come effetto collaterale del successo raggiunto).

Buon viaggio a tutti genitori-eroi che hanno già intrapreso il loro percorso di crescita e anche a chi lo farà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su