Cookie Policy Ho paura di mettermi in gioco e fallire!
Home » Obiettivo » Fallimento » Ho paura di mettermi in gioco e fallire!

Ho paura di mettermi in gioco e fallire!

Tempo di lettura: 2 minuti

Ho paura di mettermi in gioco e poi fallire, come è già successo altre volte”

La paura di mettersi in gioco e fallire

Con una paura così che l’accompagna lungo il percorso di cambiamento, farà ancora più fatica.

È come avere un tarlo che rode dentro, ogni passo è sempre minato da quel pensiero, da quelle immagini, da quelle sensazioni negative.

Una relazione in bilico, difficoltà con il lavoro, problemi a crescere i figli… Mi sembra così simile alla storia che ho raccontato nel mio libro il percorso per rinascere come desideri. E queste situazioni, complice la crisi, si stanno moltiplicando… Ci sono sempre più persone a cui è crollato un po’ tutto il loro mondo. Poi arriva la goccia che fa traboccare il vaso e allora si decidono a riprendersi la vita che desiderano.

È successo anche a lei. E ora, questa paura:

Impegnarsi e fallire

C’è una domanda che può aiutarla:

Quali sono i passi che devi fare per realizzare il tuo obiettivo?

Mi risponde con un lungo elenco:


“Devo:

  • impegnarmi a ricostruire il rapporto con il mio compagno e ritrovare il nostro amore;
  • imparare nuovi strumenti comunicativi e usarli in modo continuativo con lui e con i miei figli;
  • esercitarmi con le persone più difficili che incontro… Con mia mamma, per esempio, che ha sempre da ridire!
  • imparare a creare un team e a riaffermare la mia notorietà professionale;
  • imparare a non aspettarmi nulla in cambio, né dal mio compagno né da nessun’altro dei miei interlocutori;
  • evitare i giudizi e le situazioni in cui il mio compagno o chiunque altro possa sentirsi a disagio o giudicato da me;
  • studiare i comportamenti delle persone che hanno buoni rapporti e capire come ci riescono;
  • evitare i confronti e smettere di rivendicare le differenze;
  • imparare a creare situazioni in cui il mio compagno si diverte, si rilassa, si sente a proprio agio… Beh! E anche i miei figli e tutte le persone che mi frequentano… Devono cercarmi perché stanno bene in mia compagnia!”

E ora che si è immersa con il pensiero in tutto ciò che deve fare… Le guasto la festa… Le faccio immaginare proprio ciò che teme.

Il peggiore degli scenari

Ipotizziamo che nonostante tutto, non c’è un lieto fine… Che cosa ti rimane?

La soddisfazione di avercela messa tutta, di avere imparato un sacco di cose… E molte meno difficoltà con gli altri… Comunque è molto di più di quello che ho adesso!

Ok… Controllo… Chissà se ha ancora paura del fallimento

NO! Non può essere un fallimento tutta questa crescita!

Non ci avevo mai pensato prima! Sai, oggi mi hai aiutato a rendermi consapevole di una cosa molto importante… Che non basta concentrarsi su un aspetto della vita, per ottenere il cambiamento desiderato, ma è necessaria una rivoluzione a 360°!

“Be the change you want to see”

Diceva il mio amico Gandhi!

Sì… Ed è anche la risposta ad un’altra domanda:

In che modo, i cambiamenti che metti in atto per il tuo obiettivo, possono esserti utili anche in altri settori della tua vita? E viceversa?

Se vedo tutto a compartimenti stagni, non ottimizzo l’investimento… Ma se interconnetto tutto… Allora sì! I vantaggi si amplificano!

Bene. Abbandonata la paura di fallire, mettiamoci in viaggio!

Share this:

Iscriviti alla newsletter!

Ogni settimana un nuovo articolo con l’aggiornamento di un percorso.

error: Content is protected !!
Torna su